EndocrinologiaGinecologia/OstetriciaMedicina Interna

Aumento del peso in gravidanza: 1000 ragioni per evitarlo

By 29 Novembre 2017 No Comments

L’aumento di peso è oramai un fatto epidemico nel mondo occidentale. È un fenomeno che si osserva frequentemente anche durante la gravidanza. Sebbene sia comunemente noto che l’aumento di peso in gravidanza non sia un fattore positivo, i suoi reali impatti sugli out come materno-fetali non sono del tutto chiari. L’OMS he recentemente redatto delle linee-guida in questo senso. Un gruppo di ricercatori internazionali (australiani, americani, europei) ha condotto uno studio analizzando tutte le ricerche pubblicate tra il 1999 e il 2016 (meta-analisi) che avessero studiato gli out come materno infantili della gravidanza e l’incremento di peso acquisito a fine gravidanza. Questo tipo di studi che analizzano un insieme di lavori scientifici che hanno in comune le stesse finalità si chiamano meta-analisi.
Gli autori hanno identificato 23 studi che ritenevano utili ai fini di questo lavoro, hanno studiato 1.300.000 donne: si tratta di un ingente numero di pazienti. Un incremento di peso inferiore a quello raccomandato si è osservato nel 23% delle donne ed era associato ad un rischio superiore di peso neonatale inferiore alla norma e di parto pre-termine. Un incremento di peso superiore a quello raccomandato si è osservato nel 47% delle donne ed era associato ad un rischio maggiore di peso neonatale superiore alla norma, inferiore alla  norma e di parti cesarei.
Tutte queste condizioni, peso inferiore alla norma e macrosomia, sono fattori noti per determinare un aumentato rischio di malattie nei bambini. Risulta quindi evidente che mantenere un incremento ponderale in gravidanza coerente a quanto raccomandato sia molto utile non solo per ridurre diete drastiche nel post-partum, spesso nocive per l’allattamento e la salute della donna, ma anche per ridurre il rischio di malattie future nei bambini.
Goldstein RF, JAMA 2017
Prof. Antonio Secchi, Centro Medico Visconti di Modrone
Istituto Scientifico San Raffaele
Primario dell’Unità Operativa Complessa di Medicina Interna e dei Trapianti
Questo è il report sintetico di un articolo comparso sulla stampa medica specializzata: ogni applicazione di quanto qui riportato va condotta sotto controllo medico.